Tutto quello che devi sapere sui tappeti geometrici

I tappeti geometrici sono stati creati per migliaia di anni in molte diverse aree del mondo con la propria interpretazione. I motivi geometrici risalgono a 5000 anni fa, fino all’antica Sumer, e sono presenti anche nell’antico disegno egiziano, greco e romano. I disegni di molti tappeti geometrici sono identificabili come motivi storici, sebbene molti di questi motivi provengano dalla cultura e dalla posizione geografica dagli annodatori. I tappeti del Caucaso e dell’area ad esso vicina come l’Azerbaigian sono per lo più annodati con motivi geometrici. Alcuni di questi disegni sono denominati “TAPANCHA” (“PISTOL”), “GOLLU KOL”, “ZEIQUR”, “DERBENT” e “KUBA”.

Il nome del tappeto tradizionale “Tapancha”, annodato in Daghestan Tabasaran, è il nome di  un’arma da fuoco: una pistola. Il disegno del tappeto è strano,  con il suo insolito nome e il suo motivo ornamentale, a prima vista, molto lontano dal somigliare a un’arma da fuoco. Tuttavia, resta il fatto: il disegno di questo tappeto in Daghestan è noto proprio con questo nome “tapancha” / “pistola”.

 Come risultato della migrazione di questo tappeto dal Karabakh a Shirvan e della sua diffusione nei tappeti locali, è apparso un nuovo nome locale: “Gollu kol” (cespuglio di fiori con “mani che sostengono”). Tappeti con questo disegno venivano annodati anche nei villaggi di Kuba come Pirepedil, Ugah e altri.

Successivamente, il disegno del tappeto continua a diffondersi nel nord della regione di Kuban e viene approvato nel villaggio di Lezghin di Zeiqur(l’odierna regione di Qusar dell’Azerbaigian). I tappeti con lo stesso disegno, annodati in questo villaggio, divennero noti in tutto il mondo come “Zeiqur“. Il nome “Zeiqur” denota il nome del villaggio dove tradizionalmente si intrecciavano.

Naturalmente, sul tappeto non c’è un’immagine esplicita di armi e munizioni militari. Ma le quattro cosiddette “maniche” che si estendono dal medaglione centrale, nei più antichi tappeti tabasaran, ricordano la forma delle pistole caucasiche di selce. Alcuni vecchi annodatoti parlano della loro somiglianza con i manici incrociati dei pugnali caucasici. Esiste una versione in cui 4 “maniche” oblunghe adiacenti al medaglione centrale simboleggiano cartucce di pistola e cariche di polvere già pronte – “gazyr” che si trovano sui vestiti di un guerriero caucasico.

I tappeti orientali “Derbent” seguivano molte delle caratteristiche generali dei tappeti orientali del Daghestan, come l’uso di motivi a reticolo e fiori geometrici. Può esserci un disegno principale con una grande stella (come una stella Yomud allungata) o qualche altra figura geometrica che può essere ripetuta 3 o 5 volte in diagonale su un campo blu o rosso. Le figure in campo blu avranno spesso colori prevalentemente rosso e giallo zafferano. Se il campo è rosso, le figure avranno solitamente i colori blu e giallo.

I tappeti Kuba del secolo scorso per metà sono stati annodati nei villaggi vicino alle città di Perepedil, Divichi, Konaghend, Zejwa, Karagashli e Kusary. Sono nel complesso i tappeti caucasici più finemente annodati, in particolare il Perepedil, che mostra un disegno floreale altamente geometrico su campo blu o avorio. I Konaghend presentano più frequentemente un grande medaglione centrale, mentre quei tappeti etichettati come Karagashli di solito contengono elementi isolati dai disegni persiani avshan (“rametto”) o hardang (“granchio”).

Lascia un commento